Comfort ambientale

Gli elementi fondamentali per un “comfort ambientale della casa” sono: le vibrazioni, le radiazioni, il microclima, le illuminazioni.

Questi fattori sono importanti perché determinano il benessere psichico e fisico delle persone.

Il microclima è il clima rilevato nello scambio termico tra la gente e l’ambiente intorno, spesso viene influenzato da fattori come l’inquinamento, il rumore quindi dal luogo dove è sita l’abitazione.

Il corpo umano ha una reazione verso gli elementi termici tale da conservare costante la temperatura media di 37°C e il calore del corpo umano dipende da quanto e quale cibo viene consumato, dagli abiti indossati e dal movimento effettuato.

Quando il calore esterno è molto alto o vi è un’umidità eccessiva, il fisico lo perde sudando e così ristabilisce la temperatura adatta.

Quando invece è molto freddo si perde il calore e si forma la “pelle d’oca”, vengono i brividi che fanno accelerare la circolazione del sangue che dà calore al corpo.

Quindi per avere un giusto scambio di energia ci vuole una temperatura ideale, un adeguato grado di umidità e un’aerazione normale.

Anche la “temperatura media radiante” cioè quella riferita alle pareti perimetrali, deve avere un valore confortevole per gli umani altrimenti si potrebbe verificare un disagio; in inverno l’energia dei vetri e delle pareti è minore di quella interna e in estate è il contrario.

I fattori che incidono sul comfort termico sono:

Per mantenere basso il valore dell’umidità si può mantenere invariata la temperatura e diminuire il quantitativo di vapore acqueo o alzare la temperatura mantenendo in equilibri il livello di vapore acqueo.

Quando l’umidità in estate è eccessiva si può usare un deumidificatore che cattura l’acqua in più; in inverno invece se l’aria è secca si possono usare gli umidificatori; la velocità di movimento dell’aria interna aiuta lo scambio di energia tra il corpo umano e l’ambiente.

In estate l’azione di un ventilatore dà la sensazione di fresco, mentre nel periodo freddo si ha una sensazione di un valore minore di calore; sia quando è caldo che quando è freddo il calore viene trasmesso per convenzione e per conduzione; la purezza dell’aria interna che viene deteriorata anche dall’azione dell’uomo richiede un giusto ricambio.

I climatizzatori sono in grado, con alcuni filtri, di rendere l’aria pulita da pollini e acari.

I filtri a carboni attivi riducono gli odori e i fumi, vengono cambiati a periodi e non si possono riusare.

Nonostante vi sia un elevato inquinamento esterno vi è una continua ricerca tecnologica che cerca di migliorare le condizioni del riscaldamento degli interni.